Hogan Shoes Stock Athens

Una storia meravigliosa e anche un po’ crudele come tutte le beffe migliori per la sua capacità di prendere per il naso certe passioni, certe ambizioni, certe imprudenze e certe ingordigie, che sempre esplodono febbrili e infantili in questi frangenti. Spreco di indicativi, sicurezze, narcisismi e paroloni, e poi ecco qui, tre ragazzetti poco più che matricole. Proprio ragazzetti, manco del tipo artistico, manco, voglio dire candidati emuli del Modì quello vero.

Uno dei provvedimenti previsti dal contratto di governo, ma in maggioranza ancora non è stata trovata l’intesa sulla legittima difesa. Da una parte la Lega, che ne ha sempre fatto uno dei suoi cavalli di battaglia, dall’altra il M5S che per bocca del ministro della Giustizia Bonafede chiede “approfondimenti” e sembra frenare, anche se ribadisce che si tratta di una “priorità”. Ieri in Commissione al Senato sono stati incardinati i 5 ddl depositati, uno di iniziativa popolare, due di Forza Italia, uno di Fdi e uno della Lega.

Oggi va così. A piedi. Stacce.. Il peso mitico di un’immaginaria alleanza di eroi della letteratura popolare poteva portare a qualunque risultato: purtroppo il carneade Norrington sceglie la via più facile e bolsa, quella del blockbuster tutta azione (per la verità confusa) e effetti speciali. Così, dopo la godibile prima parte,il film precipita nell’anonimato, col sovrappiù di qualche errore (il Carnevale di Venezia che si svolge a Luglio) da produzione di serie B anni ’50. Di cui però non ha nè il ritmo nè la capacità di divertire.

Il risultato è una pellicola poco originale, priva di guizzi particolari e incapace di produrre quell’impatto che a tratti da l’impressione di poter dare.Le interazioni tra i protagonisti funzionano abbastanza bene, almeno quando sullo schermo ci sono attori esperti. Più claudicanti i rapporti tra i più giovani, che a volte sembrano un po’ forzare le loro reazioni.Poco coraggio nelle scelte musicali, immerse nel pop nostrano e che privilegiano brani immediatamente riconoscibili piuttosto che puntare su sonorità più evocative.Nonostante tutto è un film che si lascia guardare e che, dopo un inizio zoppicante, trova il suo ritmo e scivola via bene fino al finale mieloso che tutti si aspettano.Tuttavia mi è rimasta l’impressione di un’opera incompiuta, in cui i momenti tesi e cupi non sono stati sfruttati fino in fondo.Aggiungo mezza stella in quanto una commedia italiana ben fatta,divertente e che racconta la quotidianita con sufficiente sincerit Chiaramente ci sono degli eccessi come il padre che si trastulla con la ex del figlio, che a sua volta tradisce il suo migliore amico e cos via fino allo scambio di ruoli e all di turno.Tuttavia la finzione non e tanto distante dalla realt quando racconta coppie in crisi,difficolt lavorative e genitori meno maturi dei figli.Il tutto avviene tramite il resoconto impeccabile che spesso, non sempre,si gioca a calcetto come ci si comporta nella vita di tutti i giorni.Tuttavia la finzione non e tanto distante dalla realt quando racconta coppie in crisi,difficolt lavorative e genitori meno maturi dei figli.Il tutto avviene tramite il resoconto impeccabile che spesso, non sempre,si gioca a calcetto come ci si comporta nella vita di tutti i giorni.Simpatica la presenza finale di bomber Schillaci e Mister Maifredi ,protagonisti del calcio genuino che fu.Mina che tira le punizioni al tritolo e Venezia dribblomane di scorta,i miei personaggi preferiti. Molto ben interpretato in particolare sono bravissimi Bisio e “il Mina” Battiston, i nostri trovano nel campo e nello spogliatoio rispettivamente una valvola di sfogo e un confessionale, nel quale isolarsi, chiudersi ma nello stesso tempo aprirsi all sudato e in mutande.

Be the first to comment

Leave a Reply