Hogan Vs Snead Shell&S Wonderful World Of Golf

Gli esordiNato in Finlandia, appassionato di cinema d’azione fin da piccolo (cita Hitchcock e Il Mucchio Selvaggio di Peckinpah tra i suoi preferiti) Renny Harlin è un regista di film commerciali con grandi sparatorie e inseguimenti. Decide autonomamanete di diventare regista a soli 14 anni, dopo aver visto le riprese a Helsinki di Telefon (1977), mediocre film di spionaggio con Charles Bronson, di Don Siegel. Dopo aver diretto diversi cortometraggi in Finlandia e aver fatto una discreta gavetta come assistente alla regia e come distributore di film negli Stati Uniti, riesce a girare il suo primo lungometraggio: Born American.

Per offrire a una personalità del genere il giusto equilibrio tra spirito imprenditoriale e voracità da liberista privo di qualsiasi remora di carattere etico occorreva l’interprete giusto. John Lee Hancock lo ha trovato in un Michael Keaton al meglio delle sue già notevoli prestazioni di attore. Nei suoi occhi e nella sua gestualità si leggono, a volte contemporaneamente, l’entusiasmo di chi sta implementando un’idea di cui altri non hanno letto le potenzialità e l’avidità di chi vede spalancarsi progressivamente davanti a sé le porte del Business con l’iniziale maiuscola.

She emodies professionalism and ispires those around her. She goes after her vision with all that is within her. Did just describe you or who you aspire to be? If so, this workshop is for you.. Sono un sistema vivente olistico, chiamato Terra. Quando questa generazione nacque in Occidente, la della bomba voleva la pace. Adesso i ragazzi non hanno la stessa urgenza che sentivamo, così viva, allora.

La storia è ambientata nei giorni in cui enormi cambiamenti sconvolgono la Russia, gli stati baltici e l’Europa occidentale. Genia, mezzo lituano, mezzo moscovita, tenta di prendere in mano la sua vita, di comprare la felicità facendo affari con la mafia russa, ma i suoi sforzi non danno i risultati sperati. Lascerà la Lituania e si deciderà per un ultimo viaggio a Mosca, nella speranza di recuperare almeno una parte dei suoi soldi.

Film d’azione, col solito agente “sotto copertura” della DEA che, dopo aver svolto il proprio compito, si ritira a vivere protetto in un luogo ritenuto sicuro (con la figlia). Dovrà difendersi dalla vendetta sia di una banda locale sia di quella che ha combattuto altrove. Dovrà difendersi dalla vendetta sia di una banda locale sia di quella che ha combattuto altrove.

Come l’ufficiale “illuminato” di Jeff Bridges, che è stato in Vietnam da ragazzo e che non vuole assistere a un nuovo massacro, che ha lottato in quella guerra con le pallottole e che adesso vuole combattere con fiori, parole e gocce di LSD sciolte nel rancio. L’uomo che fissa le capre disinnesca la serietà della guerra e dei suoi “corpi speciali” attraverso dialoghi sagaci e l’intensità burlesca dei suoi attori, George Clooney, Ewan McGregor, Jeff Bridges e Kevin Spacey, tutti perfettamente in parte. Un titolo, una locandina, un trailer che calca, riprende lo stile dei Coen.

Be the first to comment

Leave a Reply