Peter Pan De Pj Hogan Streaming

Protagonista del film un uomo oscuro e profondamente disturbato, Jack, interpretato da un inquietante e luciferino Matt Dillon, che dopo aver ammazzato una donna che gli aveva chiesto soccorso per strada, si convince di dover continuare ad uccidere per raggiungere la perfezione. Un ingegnere psicopatico, con velleità da architetto e tendenze ossessivo compulsive, che presto si scopre essere uno spietato serial killer di cui lo spettatore segue l’evoluzione criminale attraverso la presentazione di quelli che lui definisce “incidenti”. Un personaggio macabro e spietato che mette in scena ogni suo omicidio come se fosse un’opera d’arte, sempre più complessa e ingegnosa, perché “le più grandi cattedrali hanno opere d’arte sublimi nascoste negli angoli più bui perché solo Dio possa vedere, e così sono anche gli omicidi”, illustra con spietata logica nel flusso di coscienza rivolto a Verge (Bruno Ganz), un personaggio misterioso a metà tra il reale e l’immaginario, con cui nel corso del film l’uomo intavola ricorrenti e approfondite conversazioni sulle sue condizioni personali e sui suoi pensieri, in dialoghi che mescolano in maniera grottesca sofismi e autocommiserazione, per svelare, infine, la natura dell’Inferno di Jack che deriva dalla disperazione dell’aver troppo morso la mela della conoscenza..

Consigliere in Cosmit, ricopre incarichi a livello nazionale in Confindustria, nell’Associazione Italiana di Illuminotecnica, nell’Associazione per il disegno industriale, nell’Istituto Nazionale Architettura e nell’Istituto Adriano Olivetti. Con trent’anni di anticipo sulle linee guida internazionali dell’industria della luce, già negli anni 80 conduce iGuzzini a sviluppare il tema della luce biodinamica, attivando collaborazioni con l’università americana di Troy e il CNR. Nel 1998 promuove la costituzione dell’archivio storico delle imprese del Gruppo Guzzini, il primo archivio storico web in Italia, Bene di interesse storico.

L’ambizioso procuratore distrettuale Ray Liotta affronta in una notte vari enigmi: la sua assistente è un’assassina o ha ucciso per legittima difesa? L’inafferrabile criminale cui dà la caccia da una vita lo sta sfidando sotto i suoi occhi? L’Fbi sospetta di lui? Valeva la pena farsi mangiare il cervello in Hannibal per poi trovarsi una bella emicrania in Doppia ipotesi per un delitto? Tutto in una notte: verità e menzogna, flashback da più punti di vista, quadrupli giochi, Rashomon e I soliti sospetti con la sceneggiatura di Christopher McQuarrie copiata senza pietà.Comincia con un omicidio: un uomo trovato morto nel letto di una donna; stava per stuprarla, pare, e lei si è difesa. La donna, bellissima, è l’assistente del procuratore distrettuale e aspirante sindaco, uno che si propone di ripulire la città. La città è Montreal, dal vecchio cuore urbano preda della speculazione edilizia.

Be the first to comment

Leave a Reply