Scarpe Hogan Uomo Offerta

La sua abilità grezza e poco educata, gli errori e le debolezze in cui è incappato nel corso della vita ne fanno l’interprete ideale di combattente positivo, mettendo a tacere per il momento chi lo vuole troppo spesso armato ragazzaccio in action. Il talento naturale, tutto istinto e spontaneità, di Wahlberg, atleticamente proporzionato e bello, fa il magnifico paio con quello irrequieto e strafottente di Bale, trattenuto a stento tra sei corde. L’arroganza disperata del suo Dicky tornito dallo sfinimento si accorda con la solidità pacificata di Micky, producendo sul ring una coppia inedita e memorabile, capace, questa sì, di scardinare una tradizione di pugili ‘disincarnati’.THR riporta la notizia che l’attore Mark Wahlberg sarà il protagonista del remake del film islandese Reykjavik Rotterdam, il thriller diretto da skar Jnasson, prodotto ed interpretato da Baltasar Kormkur che si occuperà della regia della versione americana.La sceneggiatura verrà scritta da Aaron Guzikowski e racconterà le avventure di un ex guardia di sicurezza ed ex contrabbandiere di alcool nella rotta tra l’Islanda e l’Olanda che è tentato di ritornare nel commercio illecito da un dubbioso amico dopo aver avuto dei problemi finanziari.Reykjavik Rotterdam era stato candidato agli Oscar per la categoria di miglior film straniero l’anno scorso ed ha vinto in patria cinque Edda Awards.

Alla parola sostituì l’eloquenza del corpo, dei suoi atti fisiologici e sessuali ( Kiss, 1963, in cui N. Levine bacia numerosi uomini per 50 minuti, Eat, 1964, Blow Job e Couch, 1964). My Hustler (1965), The Chelsea Girls (1966), The Nude Restaurant (1967, in cui Viva, la protagonista dei suoi film, è nuda in un ristorante e satireggia sui problemi delle donne della media classe americana), Lonesome Cowboys e Blue Movie (1968) fecero scandalo, non tanto per la novità del nuovo modo di vedere, quanto per ciò che era visto, soprattutto in materia di sesso, e portarono a una svolta commerciale quel cinema tendenzialmente pornografico e kitsch nato segretamente e divenuto conosciuto per lo shock provocato nella società.

Come un fascio di luce, si è spiegata sulle nuove generazioni di attori e registi, in continuo cambio, accettando quei ruoli che principalmente davano più spazio alle ragioni umane, piuttosto che esistenziali. Fondamentalmente legata all’idea che un’attrice debba avere uguale dignità e stesse opportunità di un attore, è stata una delle carte più belle e vincenti di Hollywood e di quei registi indipendenti, diventati poi maestri del cinema. Adorata dalle femministe e certo meno impegnata politicamente di quel che si creda, costei risponde al nome di Ellen Burstyn.Nata a Detroit, Ellen Burstyn, prima di diventare Ellen Burstyn, si impiegò in un sacco di lavori, oltre a scontrarsi con una vita abbastanza turbolenta.

Be the first to comment

Leave a Reply